Si apre con un due secondi posti la stagione 2018 di Giovanni Venturini. Il vicentino, Factory Driver Lamborghini nell’International GT Open al fianco di Jeroen Mul, ha conquistato due secondi posti nelle gare dello scorso fine settimana, che gli permettono di lasciare il Portogallo in seconda posizione anche nella classifica generale di campionato. Giovanni, campione in carica della serie promossa da GT Sport, continua a difendere i colori dell’Imperiale Racing, al volante di una Lamborghini Huracan GT3. Divisisi equamente i turni di qualifica, come avviene da regolamento nei campionati Gran Turismo, Giovanni ha ottenuto il secondo tempo nella qualifica di sabato mattina, mentre l’olandese, con la pioggia, ha replicato domenica. Nella prima corsa, Giovanni ha condotto il primo stint, cedendo la vettura a Mul in seconda piazza, mantenuta poi fino alla bandiera a scacchi, mentre domenica l’olandese era riuscito a portarsi al comando nel corso della prima tornata, ma è poi stato risucchiato dalla Ferrari vincitrice dopo poche tornate. Rientrato in pista terzo, scontando l’handicap previsto da regolamento per il podio ottenuto nella corsa precedente, Giovanni ha tagliato il traguardo in terza posizione, in scia alla vettura gemella numero 25, a cui era stato inflitto un secondo di penalità per aver superato i limiti della pista

Giovanni Venturini
“Lasciamo il Portogallo con soddisfazione per aver conquistato due secondi posti ed essere nella stessa posizione in campionato. Tuttavia il dato che ci preoccupa è la differenza prestazionale con le Ferrari. Sicuramente Estoril era un tracciato che si adattava alle doti della 488 GT3, ma tutti gli altri modelli, non solo noi con Lamborghini, sembravamo di essere un’altra classe. Al di là di questo comunque, che è fuori dal nostro controllo diretto, il team ha lavorato molto bene, non abbiamo azzardato con le strategie e siamo sempre al top, soprattutto con un meteo difficile come quello di domenica. Al Paul Ricard troveremo condizioni differenti, vediamo cosa accadrà”.